Malattia del nodo atrioventricolare

Cos'è e come si manifesta

La malattia del nodo atrioventricolare rappresenta la disfunzione della struttura del cuore (nodo atrioventricolare) che consente la conduzione dell’impulso elettrico dagli atri ai ventricoli. Quando la disfunzione del nodo atrioventricolare è di grado elevato i ventricoli si contraggono con una ridotta frequenza e talora si generano delle pause elettriche (asistolie) che possono comportare anche perdita completa di coscienza (sincope). Le cause più comuni sono: l’invecchiamento del nodo atrioventricolare (fibrosi), un aumento del tono vagale (per esempio negli atleti), la miocardite, un infarto miocardico (specialmente inferiore), disturbi elettrolitici (in particolare l'ipopotassiemia), l’assunzione di farmaci come gli antiaritmici.

Come si cura

La cura definitiva della suddetta disfunzione è l’impianto di un pacemaker bicamerale.