Extrasistole Atriali

Cos'è e come si manifesta

Le extrasistoli atriali sono degli impulsi elettrici originanti nell’atrio destro o sinistro che fanno contrarre il cuore anticipatamente rispetto alla fisiologica cadenza ritmica del battito cardiaco. Gli impulsi anticipati possono essere sporadici o frequenti fino a poter alternarsi ciclicamente con il normale battito. Essi possono essere avvertiti dal soggetto come una sensazione di “salto” a livello del cuore ma talora possono essere anche completamente asintomatici.
Le cause delle extrasistoli atriali possono essere multiple. Si possono manifestare per disfunzioni di organi diversi dal cuore ma che indirettamente influenzano il comportamento cardiaco oppure per disfunzioni intrinseche del cuore. Le cause estrinseche possono comprendere uno stato di stress psichico e/o fisico favorente un incremento dei livelli circolanti di sostanze adrenergiche, disfunzioni della ghiandola tiroidea e molto spesso reflusso gastro-esofageo, inadeguate abitudini alimentari, gastriti o alterata motilità gastrica. Le cause intrinseche sono costituite da patologie che comportano un cambiamento strutturale delle camere cardiache come l’ipertensione arteriosa sistemica, le infiammazioni del cuore, le disfunzioni valvolari soprattutto della valvola mitrale e le dilatazioni dei ventricoli specialmente dopo episodi di infarti e/o ischemie miocardiche.

Quali sono i rischi

Le extrasistoli atriali non espongono a rischi clinici particolari ma possono innescare episodi di fibrillazione atriale.

Come si cura

Per la cura si dovranno individuare o escludere tutte le possibili cause estrinseche, spesso correggibili, oppure trattare alla base le cardiopatie che predispongono alle alterazioni strutturali del cuore. Se sintomatiche, nonostante i provvedimenti su indicati, si potranno somministrare dei farmaci antiaritmici specifici da scegliere in funzione delle caratteristiche cliniche del soggetto sofferente.